lunedì, gennaio 16, 2006

Il volto degli eroi


Che volto hanno gli eroi? Ogni bimbo crede che l'eroe sia quell'essere fatato che combatte le forze del male con arti magiche, con poteri sovrannaturali che nulla hanno a che fare con la labile cornice dell'umanita'...Nella nostra Italia di eroi ne son passati pochi. Ma quei pochi, beh, hanno lasciato il segno. Voglio commemorare due di questi uomini, nel vero senso della parola, che hanno vissuto. Morendo della speranza che questa loro vitalità contagiasse anche le persone che vivevano sotto il gioco di una mandria di assassini. Sono giovane, ho 24 anni e voglio vivere. Ma non posso vivere sapendo che c'è gente che uccide questi eroi, i miei eroi, i vostri eroi. Falcone e Borsellino sono morti quasi 14 anni fa, ma il tempo sembra essersi fermato.. Oggi il silenzio di Capaci e via d'Amelio e' rotto dalle risate di chi, dopo aver goduto nel veder morire questi grandi della storia, ora occupa posizioni di responsabilità. Oggi la mafia vive nelle istituzioni, e chi non vuole convivere con essa (come proclamato all'inizio dell'attuale legislatura da un ministro dell'attuale governo) è costretto al silenzio. Ribelliamoci a questo, democraticamente. Rispediamo a casa questo governo. Facciamolo per chi è morto nel tentativo di migliorare lo Stato: perchè il sacrificio, il loro sacrificio, non sia inutile.... continuerò a parlare di questo. Non ne posso più di stare in un posto dove i capi approfittano della gente comune. A presto.. Fra

1 commento:

Ale ha detto...

Sono contento che anche tu hai deciso di concretizzare in modo sempre più costruttivo la tua indignazione contro tutto questo marciume. La strada è lunga. Tu hai il dono della dialettica, cosa che a me per vari problemi del passato mi manca, perciò puoi spiegare meglio le cose. Nel mio blog faccio il possibile per diffondere le notizie, di far aprire le menti e gli occhi. Certo, non scrivo molto di mio ma metto il link ad un articolo secondo me importante da leggere.
Ma ti voglio avvertire che che non sarà semplice. C'è molta gente che come hanno fatto con me, ti insulterà, ti etichetterà a priori e senza alcun fondamento di essere (cito testuali parole) un moralista del cazzo, un "comunista" (che non sanno nemmeno che cosa sia), un mafioso (così come ha fatto cuffaro nella puntata di Santoro) e mi fermo qui che è meglio. Questo perchè molta gente è mal istruita, o vuole solo provocarci. Bisogna avere pazienza ed iniziare ad educarli (se si potrebbe dire così) piano piano facendoli ragionare. Con questo non voglio dire che io sono migliore di loro, dico che io ho avuto la fortuna di capire certe cose, e di cresce con molti ideali che ho sempre cercato di rafforzare nel modo migliore possibile.
Tutto questo non ti deve fermare nel cercare di creare un mondo migliore.
Io ho sempre creduto nella forza del singolo, perchè è sempre un insieme di singoli che fanno la differenza. Io e te, siamo all'interno di quei singoli, e li fuori ci sono molti altri singoli che aspettano solo che qualcuno li ascolti, o che ci sia qualcuno che li faccia parlare.
E' ora di dire basta!
Alessandro