domenica, dicembre 09, 2007

Il qualunquismo è una forma d'espressione

L'amico larochelle mi taccia ormai da diversi post di essermi trasformato in un qualunquista.

Questo detto con il sorriso sulle labbra, ovviamente, perchè la mia vena ironica mi impone di scherzare su ciò che il suddetto afferma aver dibattuto, in seno al concetto di
qualunquismo relazionale (pregasi leggere commento dell'amico larochelle per capire ciò che intendo).

Ora: il millantato qualunquismo relazionale altri non è che la voglia di essere libero d'esprimere concetti talvolta pretestuosi come la necessità di avere una stanza tutta per sè (me) - leggi ultimo post -?

Non so dove, non so quando troverò la via d'uscita a tutto ciò, ma la vera ironica continua ad accecarmi e continua il mio turbinio di concetti e metafore sul desiderio qualunquista che sta alla base del mio modo di vedere le cose.
Il mio qualunquismo è proprio un modo di esprimermi, un modo per dipingere le cose. E' il mio modo d'essere, senza per questo ricreare voglie e affermazioni sature solo di qualunquismo ma innervate anche da qualcosa in più. Voi direte: ma che stai dicendo?

Dico semplicemente: il titolo di questo blog è "Diario di chi aspira a vivere", c'è chi dice che questo sia un titolo molto bello e interessante (vero, Colombina ^__^ ?) e altri che magari sono arrivati qui perchè aspirano a vivere e pensavano che io fossi un cazzo di guru che gli dava la soluzione.
Bene, concettualmente il mio blog titola qualunquista. Ergo, a tutti gli effetti è un blog che può definirsi qualunquista. Il blogger che lo gestisce fa affermazioni qualunquiste e i suoi lettori possono scontrarsi o meno con la realtà qualunquista che ne viene portata alla luce.
Tutto perchè, nel mio modo di vedere le cose, si fa spesso riferimento a cose o fatti che hanno il sapore di qualunquismo (ma che forse proprio qualunquiste non sono).

Si aprano le danze. Voi vi sentite qualunquisti?
Perchè io no, non mi sento qualunquista. Ma dato che il tipico qualunquista dice di non esserlo, ma lo è, magari io lo sono e non lo so.
Intanto la storia di Oscar attende, ma non preoccupatevi, torna.
Magari ve la spedisco per posta, come farebbe un vero qualunquista, che spedisce e quando affranca dice che tanto è inutile perchè le poste sono lente.
A presto,
Fra

5 commenti:

Davide ha detto...

pensa che il qualunquista che spedisce per posta è così qualunquista che ha il coraggio di distinguersi. ciao

aspettiamo

Mark ha detto...

in qualunque maniera comunemente espressa in qualsiasi quadro espressionista,io mi reputo semiqualunquista

Paolo ha detto...

tu sei qualonquista? no tu sei casinista! E la prossima volta che ti vedo nel bagno di mia figlia, ti spezz la noc de capocol hai capito???

krepa ha detto...

qualunque cosa tu dica, non sarai mica più qualunquista come il qui presente qualunquista, mica uno qualunque...

ahahahah

ciao Fra

la rochelle ha detto...

tutti siamo un po' qualunquisti... io sono un qualunquista passivo, ma vorrei essere un qualunquista attivo. forse è per questo che non amo il qualunquista... devo aumentare l'autostima verso il mio qualunquismo mi sa ;-)