venerdì, ottobre 23, 2009

Lontano - Life in technicolor part 81

Oggi ho sentito parlare di nostalgia. Mi sei venuta in mente tu quando, in mezzo al giorno, ti sei messa a parlare dei tuoi cani.

C'è stato un momento in cui ho sentito il rumore del parco, mentre parlavi. I rametti che scrocchiavano mentre li lanciavo, mentre loro, i cani, si stufavano di rincorrerli.

Avevi il sentore che ti sarebbe mancato tutto questo. Come quando, a tavola, dicevi che ti stava venendo a noia il mangiare il formaggio con i grissini. Quando la sazietà spariva, e tornava la fame macchiata dalla gola e dal gusto. Un sapore libero, che a me piaceva corroborare dal vino rosso e tu ti chiedevi perché, dato che il vino non t'è mai piaciuto.

Oggi a Torino è piovuto. Più d'una volta mi hai detto che là la pioggia è più fredda. Lo sai il perché, d'altronde stai a migliaia di km da qui verso nord, ma in fondo è sempre meglio sognare che qui sia piacevole anche stare in giro senza ombrello e che non faccia mai il freddo che dà fastidio. E' perché forse ora, quando ti svegli, fai meno strada di quando stavi qui.

Perché qui il tempo è freddo. Come la gente, come le persone, come gli amici. Indifferenti. Che chiedono solo e non danno, perché è troppo, troppo difficile dare.

Tu l'hai sempre detto, lo ripeti anche ora che, lontano, guardi ciò che hai lasciato e dici che non ti manca granché. Perché qui sembra essere tutto indifferente. Non solo gli amici. Poi però ti fermi al fatto che qui c'era qualcosa in più, qualcosa di meglio. In fondo anche i difetti di Torino e di chi ci abita sembrano sparire, quando stai a migliaia di km. L'hai detto tu, fra le righe.

Non chiaramente.

Come quando hai parlato del volantino della pizza a domicilio che hai trovato in buca. Ti sei messa a ridere senza che dicessi nulla, senza averla assaggiata, quella pizza.

E poi il mondo intorno. La posta, il supermarket. I marciapiedi, i negozi. Il cielo e, perché no, le persone intorno.
In fondo è sempre stato così, qui le cose erano più belle. Almeno, lo sembravano.
Forse perché eravamo due. Eravamo.

Nessun commento: