domenica, novembre 15, 2009

Vita d'un giorno qualsiasi - Life in Technicolor part 96

Una mattina ti svegli e pensi che sia il giorno per cambiare.

Ripensi a quello che ti è capitato ieri, e pensi a ciò che t'aspetta domani. Una musica, una canzone, ti frulla in testa. Sempre la stessa.

Sì, ti dici, è ora di cambiare.

C'è qualcosa che non va, ed è ora di dire basta. Ti alzi, ti vesti, ti lavi, vai a lavorare, aiutato da quella canzone che ti accompagna da quando hai aperto gli occhi.

Perché riprende il ritmo della tua adolescenza. Ti ci ritrovi dentro perché sembra che, mentre lavori, parli, pensi, tu stia ancora vivendo quegli anni. E cambiare, ti sembra più facile. Cambiare il ritmo della tua vita, troppo diverso da come sei davvero, da come vorresti essere. Togli i freni inibitori e ti dici: ora basta.

T'aiuti con quella canzone, mentre pranzi e senti di più il sapore del cibo. Il giorno scorre, con te e i tuoi pensieri e il ritmo della tua adolescenza, e la tua voglia di cambiare quello che non va. E ciò che non era sopportabile, prima, mentre ascolti per la millesima volta quella canzone che ha scelto per te la fase REM e che ti ha lasciato in eredità dei sogni.

Mentre i fatti della vita scorrono, senti che sei cambiato. Che è già cominciato. Che quello che non andava sta veramente andando 'affanculo. Che non serve l'aiuto degli altri, ora sei solo e questo basta.

Mentre torni in casa, quella canzone la spari a tutto volume in macchina. La canti a squarciagola, sei così contento che ti fermeresti in un prato a urlare talmente forte da farti male. E, quando arrivi, sei contento di te.

Fino a che. Che ti rendi conto che tutta quella voglia di cambiare, in realtà è rimasta lì. Che non è cambiato niente. Che sentivi il cambiamento arrivare, che avevi scelto di farlo: ma quei tuoi pensieri che ti facevano soffrire, anche se accompagnati dal ritmo dei tuoi anni, sono ancora intatti. Che quello che volevi lasciarti alle spalle, non è per niente indietro.

E, mentre la giornata finisce, vai a letto, con la paura di svegliarti e non aver la forza.

Beh, non spaventarti.

Non è vero che non è cambiato nulla. E' cambiato che ora sai quale sia il problema. Sai dove colpire. Non aver paura. Perché il cambiamento, arriva in un giorno che sembra qualsiasi. E, in questi casi è proprio il caso di dirlo, nulla sarà più come prima.

Il punto è che dipende solo da te.

Scegli. Poi vivi.

Nessun commento: