sabato, luglio 24, 2010

Il punto della situazione - Life in Technicolor part 118

Oggi a Torino c'è il sole. Ovvio, è luglio. C'è aria, è fresco.

Ci sono poche macchine in giro. Anche di gente sulla strada, sembra essercene meno. Immagino che anche in centro sia così.

Oggi ho fumato una sigaretta. Ho preso un caffè, ho pranzato con un piatto di pomodori e un bicchiere di vino. Ho anche mangiato qualche Gocciola, i biscotti. Ho lavato i piatti e provato a dormire un po'.

Quello che sto vivendo è uno di quei giorni introspettivi. Uno di quei giorni un po' senza nulla di rigido. Melliflui. Uno di quei giorni che subisci e non attacchi.

C'è del vero, quando si dice che tirare le somme può aiutare. Tracciare una linea e cominciare a fare i conti di quanto hai fatto fino ad adesso. Verificare il guadagnato e il perduto. Comprendere quello che hai sbagliato e quello che hai scelto di fare bene.

Oggi è uno di quei giorni dove non c'è male a guardarsi dentro. A comprendere veramente come si è arrivati fino dove si è.

Tirare le somme è attività di precisione, sopraffina. Ci va oltre che la capacità di contare anche la minuzia nel metter in modo corretto i numeri, anche se mutando l'ordine degli addendi il risultato non cambia.

E allora, prendo carta e penna e comincio a farlo, cercando di addizionare, o sottrarre, ciò che mi pare più logico aggiungere e togliere. Con solerzia, con onestà. Anche con qualche rammarico e qualche soddisfazione.

Ed ecco che il quadro è compiuto. Il punto della situazione salta fuori, completo. Con quello in mano, puoi fare le scelte con più praticità. Perché sai da dove partire.

Oggi è sabato e faccio i conti. Tiro giù una lista e metto in ordine i pro e i contro. Metto in ordine introspezioni ed esaltazioni, poi sapori e desideri, e infine, realtà e fantasia.

Il risultato è la prossima tappa da raggiungere. Con moderato ottimismo, perché nel punto della situazione salta sempre fuori il motivo che ti ha portato a sbagliare ciò che hai fallato.

E questo, è già un buon punto di partenza.

Oggi è sabato, è luglio, piena estate, molti miei amici sono già in ferie, altri partiranno fra poco, altri non partiranno proprio. Oggi c'è il sole, c'è aria, è tutto ovattato e silenzioso.

Non è male, il mondo, visto da qui.

Nessun commento: