giovedì, marzo 28, 2013

I'm not a hero - Life in Technicolor part 188



"Because he's the hero Gotham deserves, but not the one it needs right now.
So, we'll hunt him, because he can take it. Because he's not our hero.
He's a silent guardian. A watchful protector. A Dark Knight.
"
(James Gordon, The Dark Knight)

Puoi scegliere di essere coraggioso, oppure aver paura fino alla fine. Puoi camminare tenendo la testa bassa di fronte a ogni cosa, oppure ad un certo punto puoi alzare lo sguardo, prendere un bel respiro, sentire fino in fondo l'aria entrarti dentro, guardare di fronte a te e scoprire che non hai bisogno di temere, per proteggerti.

Ognuno di noi si è sentito un eroe, almeno una volta. Ma ci sono eroi ed eroi.

Quelli luminosi, quelli che tutti indicano come tali. Poi ci sono quelli che sanno rimanere in silenzio. 

Ci sono eroi che sanno mettere in luce la loro voglia di giustizia. Ci sono invece altri eroi, quelli che sanno che la cosa giusta, spesso, non verrà capita subito.

Ci sono eroi che combattono cattivi perché sono buoni a prescindere. Ci sono eroi che diventano eroi combattendo per primi i propri demoni.

Gli eroi che non hanno mai provato paura. Gli eroi che cominciano a vincere solo quando la paura riescono a sconfiggerla.

C'è il bene universale, c'è il bene che nasce dalle tempeste dell'animo.

C'è l'eroe che è talmente forte che non dovrà mai sacrificarsi, e l'eroe che invece scompare in silenzio dopo aver combattuto la più dura delle battaglie, magari perché nessuno capisce che quella battaglia è LA battaglia, la più importante, la più difficile.

Ci sono eroi ed eroi, i primi sono riconosciuti, i secondi no. I primi sanno di essere eroi, i secondi lo scoprono alla fine di tutto: o forse non lo sono, semplicemente sanno cosa è giusto fare e cosa no. A volte fingono di volerlo essere, eroi, ma poi preferiscono dire di non esserlo. Magari accolgono il loro essere normali, come un punto di forza. Magari decidono che anche il loro essere speciali può esser messo da parte, in favore di qualcosa che valga di più.

Non vogliono essere diversi, ma cambiare le cose rimanendo, semplicemente, normali.

Oggi il mondo non puoi cambiarlo da eroe. Lo puoi cambiare se rimani uguale a te stesso. Se non cedi alla tentazione di essere diverso da ciò che sei, ecco perché SpiderMan non lo vedi più in giro, o perché IronMan fa l'attore nei film di Hollywood e il mondo non lo salva più.

Non servono superpoteri, ma solo coraggio. Il coraggio di andare via anche quando sai che non vorresti, che non era quello che sognavi, non era ciò che avresti voluto. Il coraggio di mettere tutto da parte per fare la cosa migliore, che riporti armonia. Il coraggio di prendere la direzione giusta, non riflessa nel presente ma proiettata al futuro.

E soprattutto, farlo sapendo che non sarà quell'unica volta in cui sarai stato coraggioso, a renderti un eroe: ma tante ne serviranno, ancora e ancora e ancora. Lo diventerai se, paradossalmente, non ammetterai mai di esserlo.

Ricordando che si diventa eroi nel momento in cui si capisce che il futuro è arrivato, e tutto ciò che si è compiuto è stato fatto perché quel futuro fosse migliore per tutti.








Nessun commento: