giovedì, giugno 13, 2013

Quel pomeriggio alla stazione di Milano (ovvero: come ti scrivo un libro) - Life in Technicolor part 195

Di tutte le cose che ho sempre desiderato fare (o che vorrei fare: tempo fa ho scritto un post al proposito) c'è sempre stato lo scrivere un libro.

Immaginavo di scriverne uno fantasy, quando avevo 12 anni: e in effetti ho anche cominciato, con il mio primo Pentium, su wordpad perché Office ancora non lo avevo.

Poi vennero altre storie, brevi frammenti di progetti che sono diventati, da quando esiste il Diario, collage più grandi e articolati, a volte incompleti, che immaginavo come la logica evoluzione di ciò che su carta non mi sarebbe mai potuto venire bene.

Una storia, su carta.

Poi ho conosciuto Alberto. L'ho conosciuto in quella piccola grande famiglia che è il clan di NinjaMarketing.it, grazie anche alla fiducia che mi accordò Martha (quante volte ti dovrò dire grazie, Martha, per poterti far capire quanto sei stata importante e decisiva nella mia vita?), e fin da subito capii che di fronte non avevo solo un ottimo professionista, ma anche un potenziale ottimo amico. Così è stato.

Grazie ad Albi e ai post scritti su NinjaMarketing.it ho appreso molto di ciò che oggi è il mio lavoro, mi sono appassionato, ho capito che potevo andare oltre i limiti che mi ero dato.
Pensate che io Albi dal vivo l'ho incontrato per la prima volta a Milano, pochi mesi fa. Ed era incredibile, perché intanto avevamo parlato molto di qualcosa da fare insieme, un progetto, un saggio, un percorso formativo, qualcosa insomma: tutto via email. E a forza di scriverci, scriverci, scriverci, nacque l'idea di scrivere un libro insieme: le mie e le sue competenze, insieme, per un risultato che volesse essere la summa di ciò che vogliamo realizzare nel nostro lavoro, in ciò che crediamo sia il futuro del web marketing e in generale del modo di parlare in Rete.

Ecco: io la prima volta che ho visto dal vivo Albi ero alla stazione centrale di Milano. E quando ci siamo salutati avevamo già un nostro libro in stampa, "Digital Content Marketing - Storytelling, Strategia,
Engagement" (grazie a Lindau per la fiducia), e un corso on line per la NinjaAcademy programmato per luglio con noi come docenti. Gli ho stretto la mano e l'ho abbracciato, e ripensando a quel pomeriggio, penso che in fondo il mondo di Internet è fatto intanto da ciò che lasciamo qui e lì, e ognuno può diventare protagonista se ha lo spirito di emergere con ciò che è.

Esattamente come capita quando si lascia un commento su una brand page di Facebook, o si trolla un potente diventare l'ennesima twittstar. O, in maniera più stilistica e lineare con le tematiche del nostro marmocchio cartaceo, si raccontano storie per parlare di prodotti e consumo.


Nelle pagine di quel libro c'è molto di più che una semplice raccolta di nozioni, almeno per me. C'è il primo passo per diventare ciò che voglio essere. Un passo compiuto con un amico, in un mondo bello e per certi versi tutto da scoprire: in attesa che esca il mio romanzo vero, quello che ho sempre sognato di scrivere, beccatevi questo tomo, e se siete interessati, anche il corso on line che terremo. Non ve ne pentirete.

E concedetemi, in chiusura di post, un'altra piccola riflessione.

Non avrei mai immaginato di potermi fregiare del titolo di "scrittore" grazie a un libro come questo, ma ripensando a quel giorno alla stazione di Milano, ripensando a come è nato tutto questo, ripensando alla fatica di scriverlo, ripensando alla voglia che ci abbiamo messo e all'impegno profuso, ecco: ripensando a tutto questo e alla soddisfazione di poter dare la mano ad Alberto quando il viaggio era già abbondamente cominciato e tutto stava andando come speravamo , vi posso assicurare che la cosa mi inorgoglisce moltissimo, anche se quel cazzo di romanzo che ho in testa da 7 anni non sarà il primo libro che avrò scritto.

Tanto arriverà anche quello. Perché, come amo dire ripensando al mio amico/maestro Gianluca, "Non succede nulla se prima non lo immagini". E io continuo ad immaginare, a prescindere da tutto.





Nessun commento: