giovedì, novembre 27, 2014

I bilanci dell'Anima non si fanno in Excel - Life in Technicolor part 234

Io che da sempre odio Excel, reputerei molto strano provare a stilare un bilancio, sia esso per quantificare lo stato dell'economia domestica o delle finanze personali, con questo meraviglioso software.

Schiere di persone ragionano con questo bellissimo programma, e io per questo le ammiro. Io che non ho ben chiaro ancor oggi perché a volte la Sommatoria funzioni, e in altri casi no, osservo chi è in grado di muoversi con agilità fra cellette, righe e colonne, talvolta realizzando splendidi istogrammi e Gantt articolatissimi, con l'uso sapiente di tutte le opzioni che questo speciale strumento offre.

Che meraviglia.

Ne sono affascinato, eppure continuo a pensare di non voler imparare a usarlo come fanno tanti bravi amici e colleghi.

Perché?

Le cose funzionano molto spesso come un file excel e io francamente non ho idea se mi piaccia, così.

Preferirei che le cose fossero una specie di file word, ma la metafora della pagina bianca tutta da scrivere, francamente, ha ampiamente smembrato i maroni.

Così come eviterei accuratamente il powerpoint. E non è una questione di sistema operativo, credetemi.

Diciamo che sono mesi che comincio a rivalutare la faccenda della mano libera. Io che ho la calligrafia di una gallina e continuo a non sapere cosa sia un logaritmo.

Tanto per fare i bilanci e i budget non serve tanto. Alla peggio una divisione, e pazienza se i numerini non verranno proprio incolonnati benissimo.

PS: Non passo tanto da queste parti, è vero. Più di due mesi, era da un bel po' che non capitava. Comunque, già che ci siamo: i prossimi mesi saranno incasinati per varie ragioni, nel caso vi anticipo che il 10 dicembre dovrei essere al Circolo SUD di Torino per la seconda edizione di Voci della Città, mentre preparatevi perché il 21 marzo 2015 (data da confermare ma tendenzialmente sarà quella) tornano i #LaRochelle dopo il grande successo di Gran Tour (allego anche un link che parla dei #LaRochelle, fra le altre cose), come al solito nel più bel locale di Torino. Quindi niente, nel caso ci si vede lì.






Nessun commento: